↑ Torna a Zecche

Informazioni sulle zecche

Le zecche sono parassiti esterni di mammiferi, uccelli e rettili e da questi ricavano pungendo e succhiando, il sangue necessario al loro sviluppo.
Le zecche si suddividono in due gruppi ben distinti: gli Ixodidi (zecche a corpo duro) e gli Argasidi (zecche a corpo molle o zecche dei piccioni). Entrambi i gruppi sono importanti vettori di agenti patogeni (virus, batteri, rickettsie, protozoi) pericolosi per l’uomo ed altri animali. Una delle malattie più note trasmesse dalle zecche è la malattia di Lyme.L’apparato boccale della zecca (rostro) è strutturato per poter forare l’epidermide ed agganciare il corpo della zecca alla pelle dell’ospite. Il rostro è dotato di uncini rivolti all’indietro e pertanto la zecca non deve essere strappata a forza dall’ospite per non causare la rottura del rostro sotto l’epidermide e il conseguente possibile sviluppo di infezioni.

Non è ancora stato ben compreso il meccanismo tramite cui le zecche possono sopravvivere svariati anni senza assumere il pasto di sangue. Spesso le zecche attendono l’ospite in luoghi riparati: caverne, tane scavate nel terreno, nidi di volatili. La zecca si alimenta sull’ospite per brevi periodi di tempo che possono variare da pochi minuti di tempo a giorni. Per alcuni aspetti il loro modo di alimentarsi è simile a quello delle pulci e delle cimici dei letti.

 

Specie frequenti in Italia

MEDIA

VEDI ANCHE: