↑ Torna a Processionarie

Interventi di difesa dalla processionaria

Inizio autunno (larve giovani prive di peli urticanti)

Trattamento delle piante con prodotti microbiologici a base di Bacillus thuringiensis varietà kurstaki (Btk) da effettuarsi a cura di personale munito di idonei Dispositivi di Protezione Individuale (DPI). In autunno è possibile intervenire anche con prodotti a base di “regolatori della crescita” o IGR, che agiscono sul complesso meccanismo ormonale che regola i tempi e le
modalità della muta, automatismo fondamentale alla larva per potersi
accrescere. La larva non riuscirà più a mutare, producendo forme aberranti incapaci di sopravvivere.  Non è necessario prendere altre precauzioni in quanto le larve che cadono al suolo non risultano pericolose e non sono ancora stati formati i nidi definitivi nei quali si accumulano i peli urticanti.

 

atomizzatoreInverno – primavera (larve con peli urticanti)

Sono ancora possibili interventi con prodotti a base di Btk ma con il procedere della stagione e il passaggio delle larve verso le ultime età è necessario evitare per alcuni giorni di avvicinarsi alle piante trattate in quanto anche il contatto con le larve morte causa problemi di ordine igienico-sanitario. In aree urbane e periurbane, qualora possibile, risulta ancora valida la raccolta e distruzione dei nidi.

 

Estate (presenza di vecchi nidi)

I vecchi nidi contengono peli urticanti. Per questo motivo in parchi e giardini è consigliabile la loro asportazione ricorrendo ad operatori addestrati e muniti dei necessari Dispositivi di Protezione Individuale.

 

VEDI ANCHE: